Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘La Fenice 2012’

Gianni Mambrini festeggia con le sue medaglie al collo

Gianni Mambrini festeggia con le sue medaglie al collo

La brutta notizia mi era arrivata con un messaggio sul cellulare. Credevo che avessero sbagliato cognome. Invece no, purtroppo era vero. Era lui.
Sono stato a rendergli il mio piccolo omaggio e nella camera ardente ho trovato presidenti e soci delle varie associazioni ornitologiche del nostro territorio. La Fenice le raccoglie in gran parte e Gianni era un attivo collaboratore della mostra a Prato di Correggio.
Scrivo solo ora, a distanza di qualche settimana, perché ho trovato nel mio archivio la foto, già pubblicata, che lo ritrae durante un recente campionato italiano in cui mi ha chiesto uno scatto per immortalare le sue medaglie al collo.
Gianni era così, entusiasta, carico di energia che esprimeva con tutti. E quando vinceva era incontenibile, di innata simpatia.
Conosco Gianni da molti anni, fin da quando, non ancora in pensione, esponeva i prodotti di abbigliamento nel suo banco di ambulante a Guastalla dove vivo. Ogni volta che passavo era l’occasione per fare due chiacchiere sul nostro hobby e sul comune amore per il piccolo canarino Fife Fancy.
Quando cessai l’allevamento per motivi di lavoro, Gianni si precipitò a casa mia dopo una mattina di lavoro al mercato e venne a scegliere i Fife Fancy per costituire la basi del ceppo “Daolio” che mi assicurò avrebbe continuato a selezionare.
Fu così. Ne ebbi conferma alcuni anni dopo quando, risolti i problemi, decisi di ricominciare. Volevo ripartire dal mio ceppo o, meglio, da quello che ne rimaneva in giro presso i vari allevatori che avevano avuto i miei canarini. Andai anche da Gianni che mi mostrò il quaderno con i soggetti nati nei vari anni nella pagina con scritto in alto “O74N”, il mio numero di RNA…
Ricordo ancora che comprai un maschio brinato verde discendente dalla mia linea di sangue.

Ci si vedeva a Bologna, a Reggio Emilia, agli italiani e soprattutto a Correggio dove in più di un’occasione mi ha dato una mano per ingabbiare, visto che come al solito andavo di fretta e non riuscivo a curare i canarini come avrei dovuto. E allora mi rimproverava per la mia premura (e aveva ragione!) e mi cercava i posatoi giusti per le gabbie da esposizione. Finito l’ingabbio pretendeva bonariamente che passassi in rassegna i suoi Fife Fancy e ci teneva al mio giudizio, soprattutto sui bianchi, i preferiti.

Gianni era questo e ora i suoi Fife Fancy lo hanno salutato. Per sempre.
Se n’è andato per un infarto che l’ha colto serenamente nel suo letto alla mattina prima di alzarsi. Un sonno dolce da cui non si è più risvegliato.
Chissà come si saranno meravigliati i suoi canarini quando non l’hanno visto aprire la porta per portare il cibo fresco della mattina.
Hanno però visto dei vigliacchi, dopo pochi giorni. Gente senza scrupoli che si è introdotta nel suo allevamento e ha portato via tutto: Fife Fancy, Border e Llarguet. Un furto schifoso ancor più perché vile, commesso quando Gianni non poteva essere lì a proteggere i suoi beniamini che tanto amava.
Non riesco a immaginarmi Gianni cupo e furente.
Lo ricordo con quel sorriso che mi ha sempre regalato e di cui lo ringrazio.

Annunci

Read Full Post »

Gastone Masini davanti ai suoi Gloster

Consort brinato bruno agata unicolore primo class. Allevatore Masini

Consort brinatobruno agata pezzato primo class. Allevatore Masini.

Nel numero di Ottobre di Italia Ornitologica, il mensile della FOI, la Federazione Ornicoltori Italiani, Gastone Masini, ottimo giudice e allevatore di canarini di Forma e Posizione anticipava l’evento della mostra de La Fenice plaudendo alla bella iniziativa di unire ben 5 associazioni sotto lo stesso “tetto” di un’unica, grande, mostra ornitologica a Prato di Correggio (RE).

I dirigenti e i numerosi aiutanti volontari de La Fenice hanno coronato ancora una volta questo sogno ornitologico proponendoci una manifestazione di ottimo livello.

Ne ho già parlato nel post dedicato ai Fife Fancy de La Fenice 2012 e ora dirò alcune parole su altre razze di canarini di forma e posizione.

Proprio Gastone Masini ha fatto man bassa di premi nei suoi prediletti canarini Gloster di cui sappiamo essere grande conoscitore. Con lui, dominatori della stessa razza sono stati Claudio Cominelli e Lauro Bonacini.

Border intenso pezzato di Cominelli. La foto non è riuscita ma si nota comunque la rotondità del soggetto.

Border ardesia primo class. Allevatore Padrini.

Razza spagnola brinato avorio primo class. Allevatore Bonfatti.

Razza spagnola intenso avorio primo class. Allevatore Dalla Libera.

Gloster bianco pezzato primo class. Allevatore Cominelli.

E’ sempre Cominelli ad essersi distinto anche tra i Border tra cui ricordo soprattutto un suo giallo intenso pezzato davvero molto bello, dalla rotondità completa e piuma compatta nel disegnare un profilo 3D molto rispondente allo standard anche come posizione. Bello l’ardesia di Padrini che manifestava qualche difettuccio nella qualità di piumaggio, forse un po’ troppo duro. Molto bello il cinnamon di Gianni Mambrini che è arrivato secondo.

Ho avuto modo di osservare anche i Razza Spagnola e i Japan Hoso.

Sui primi ci sarebbe molto da dire perchè la competizione è stata molto serrata con soggetti estremamente tipici e di notevole qualità. Tra i migliori primi classificati ci sono il verde intenso di Lauro Bonacini, l’intenso avorio di Luciano Dalla Libera e l’avorio brinato di Maurizio Bonfatti.

Sui Japan Hoso la mia occhiata è stata più rapida e non ho potuto analizzarli a fondo. Mi rimane buona l’impressione di un ardesia pezzato bianco interessante di Silvano Cillo, al primo posto nella sua categoria.

Un’ultima segnalazione va allo Scotch giallo brinato di Luciano Dalla Libera che mi è piaciuto particolarmente e che si è piazzato primo con 91 punti.

Japan Hoso bianco ardesia pezzato primo class. Allevatore Cillo.

Scotch giallo primo class. Allevatore Dalla Libera.

Read Full Post »

Veduta parziale dei locali mostra

Un angolo della zona mercato

Daniele Daolio (cioè io) e il Fife Fancy verde primo classificato

Nell’ampia e accogliente struttura di Prato di Correggio (RE) si è svolta la sesta edizione della mostra dell’associazione La Fenice che riunisce ben 5 diverse associazioni ornitologiche dell’Emilia.

Come al solito l’organizzazione è stata di ottimo livello per una manifestazione che sempre più si sta affermando come un punto di riferimento importante per l’ornitofilia italiana.

Quest’anno, nonostante una mostra in concomitanza, gli ingabbi hanno superato quota 3200, disposti in strutture ordinatissime e con ampio spazio per una visita gradevole.

Anche i canarini di Forma e Posizione erano ampiamente rappresentati sia quantitativamente che qualitativamente con esemplari di ottimo livello. I canarini Fife Fancy non hanno fatto eccezione confermandosi anche qui una delle razze in assoluto più allevate e quindi più esposte.

Quest’anno ho avuto finalmente la possibilità di essere presente esponendo un gruppetto di Fife Fancy singoli sparsi in più categorie che hanno portato a casa 3 primi posti e 4 secondi. Graditissimi i premi in articoli gastronomici che mi sono aggiudicato in ben due grosse borse colme di confezioni di pasta, gnocchi, salami e miele! Per me, che non amo molto le coccarde, fosse sempre così!

Ardesia unicolore primo class. Allevatore Goti.

Ardesia pezzato primo class. Allevatore Malagoli.

Primo tra i bianchi (la foto non rende giustizia). Allevatore Trevisani.

Luigi Malagoli si gode lo spettacolo dei Fife Fancy.

L’unica nota stonata, almeno per i Fife Fancy, è stata l’assegnazione di punteggi mediamente più bassi che in altre mostre anche molto conosciute e famose. A volte capita che quando i giudici sono alle prime esperienze abbiano timore a lasciarsi andare a punteggi che però sarebbero ben più coerenti con la rispondenza allo standard dei soggetti esposti.

Nelle immagini che allego ci sono pochi dei miei soggetti perchè davanti all’obiettivo della macchina fotografica del loro allevatore non si sono mostrati disponibili… e le foto non meritavano, salvo poche eccezioni. Il tipo di luce artificiale presente nella struttura non era certamente ottimale per la mia Nikon e il risultato è stato purtroppo scadente.

Giallo intenso primo class. Allevatore Daolio.

Giallo brinato secondo class. Allevatore Malagoli.

Giallo intenso pezzato primo class. Allevatore Casati.

Bruno intenso secondo classificato (primo non assegnato). Allevatore Goti.

Tra i canarini da menzionare ci sono il piccolo ardesia unicolore di Massimo Goti che si è aggiudicato un primo posto così come l’ardesia bianco pezzato di Luigi Malagoli di ottima rotondità e stacco, se stimolato, ma di piumaggio piuttosto scomposto, tipico problema dei Fife Fancy intensi troppo piccoli di taglia. Sempre di Malagoli mi è piaciuto un bel giallo brinato, finito non si sa come al secondo posto in una categoria in cui non è stato assegnato il primo.

Interessante per buona rotondità ma non eccezionale stacco di testa il bianco di Rino Trevisani al primo posto nella categoria. Un pochino fastidiose le soffusioni gialle ma questo non è un canarino di colore ed inoltre i bianchi sono davvero difficili da produrre ad un buon livello. Un buon soggetto. Parlando ancora di bianchi, negli stamm è ancora una volta Trevisani a primeggiare seguito da Gianni Mambrini, entrambi con canarini di buona fattura e valida qualità di piuma.

Interessante anche il verde brinato unicolore di Goti che però in mostra domenica non dava il massimo per dorso e stacco. Piuttosto gradevole per una generale compattezza e colore, così come qualità di piumaggio, il giallo pezzato intenso di Gianfranco Casati, un poco carente di stacco di testa.

Complessivamente una bella esposizione di Fife Fancy in cui mi sono aggiudicato primo e secondo tra i verdi intensi, secondo tra i bianchi, tra i brinati bruni, tra i brinati verdi pezzati e ancora primo tra i gialli pezzati e i gialli unicolori.

Chiudo con una foto di un mio soggetto maschio ardesia che ha ricevuto commenti molto positivi da alcuni allevatori presenti pur avendo ottenuto solo 89 punti. Ai miei lettori il giudizio.

Il mio ardesia maschio che ha rimediato 89 punti ma molti consensi!

Read Full Post »