Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘allevamento’

Devo dire la verità: mi piace da impazzire osservare i canarini mentre fanno il bagno e notare che ne godono visibilmente.

Il bagno, pur non giornaliero, è una prassi nel mio allevamento. Mi trattengo dal fornire le vaschette ai canarini solo durante il periodo di allevamento della prole e nelle giornate umide e piovose del periodo autunnale-invernale. Infatti l’eccesso di acqua che si accumula sotto forma di spruzzi nelle gabbie può diventare un problema quando c’è contatto con le feci anche se si usano le griglie di fondo. Meglio quindi non abusare del bagnetto e fornirlo quando c’è il sole  e le giornate sono asciutte.

Anche in inverno? Certo!

Come testimonia il filmato e le foto allegate l’inverno è un periodo ideale per più motivi:

– i canarini si mantengono puliti

– la salute dei canarini ne giova

– se c’è un soggetto a rischio il fatto che non faccia il bagno lo pone in risalto e va osservato con cura. Non sempre, ma in molti casi quel canarino dimostrerà di essere più facilmente soggetto a qualche patologia perchè meno rustico e potenzialmente meno sano.

Il bagno invernale è perciò uno degli elementi che ogni buon allevatore deve considerare per tenere sotto controllo il livello di salute del proprio allevamento.

Annunci

Read Full Post »

Foto sfocata ma maschio intenso di ottima posizione

Ai primi di Ottobre, come di consueto, riesco ad avere un’idea abbastanza chiara di com’è andata l’annata.

Pur non avendo visto ancora tutti i soggetti uno per uno (alcuni sono in evidente ritardo di muta oppure sono più bravi a non farsi pigliare in voliera) il panorama che ne sta uscendo non mi soddisfa molto. Il mio progetto di creazione di un ceppo di Fife Fancy con determinate caratteristiche ben fisse nella mia mente sembra che quest’anno subisca una battuta d’arresto.

Certamente la salute dei soggetti è mediamente ottima ma l’idea di standard che mi anima nella selezione e negli accoppiamenti del mio allevamento è ancora piuttosto lontana. La forma dei soggetti è migliorata rispetto allo scorso anno, le teste pure, la posizione anche  ma… c’è ancora MOLTO da lavorare.

Alcune caratteristiche ancora non sono ben fissate e altre, non volute, sono apparse!

E’ il bello dell’allevamento? Sarà ma intanto il 2010 non è come me lo immaginavo.

Comunque, dato che non demordo, vediamo di metterci al lavoro e cominciare già da ora a pianificare il prossimo anno di allevamento facendo tesoro degli errori e correndo ai ripari!

Auguro a Te che mi leggi un’ottima annata espositiva e tanti successi!

Read Full Post »

Fife Fancy cinnamon novello 2010

Fife Fancy fawn novello 2010

Oggi metto in rete altre due foto dei novelli 2010 della mia produzione di Fife Fancy.

Si tratta di due soggetti femmine, un cinnamon intenso pezzato dal colore ben carico e dalla testina ben rotonda e  un fawn, lo stesso fattore del cinnamon ma  a fondo bianco anzichè giallo che lo porta ad avere un colore caffelatte. In questo ultimo soggetto la muta deve ancora terminare, quindi mi attendo un piumaggio più compatto ma non ricco di colorazione perchè il fawn, appunto per il suo fondo bianco che si vede solo osservando il sottopiuma, non potrà mai essere molto brillante.

Il cinnamon quindi, per le su caratteristiche di brillantezza appaga più l’occhio.

Il fawn sembra possa assumere una buona posizione. Vedremo.

Read Full Post »

I miei Fife Fancy 2010

Fife Fancy femmina novella ardesia 2010

Come ogni anno alla metà di settembre inizio a togliere dalla voliera i primi Fife Fancy che mi sembrano in buono stato di piume.

La muta non è ancora finita ma taluni esemplari manifestano già alcune loro caratteristiche di forma. Quindi la mia prima selezione non è attenta tanto al piumaggio quanto alla forma.

In verità, come ben sa chi alleva da tempo i canarini di forma e posizione, i soggetti manifestano tutto il loro splendore tra metà ottobre e inizio di dicembre, periodo che coincide con le principali mostre nazionali.

Occorre stare attenti e guardarli con cura cercando di prevedere l’evoluzione della forma nelle prossime settimane perchè, anche se in alcuni soggetti non sembra, la muta non è ancora del tutto compiuta. I Fife Fancy non sono in grado di esprimersi al massimo in settembre.  Anzi, capita che un buon soggetto di oggi acquisisca una piuma troppo lunga in novembre perchè deve finire di crescere e lo standard ne risentirà. Quindi attenzione alle illusioni ma il concetto della cautela vale anche per quei canarini che oggi non ci sembrano proprio il massimo e poi maturando un altro mese si coprono di piuma in modo armonico.

Oggi mostro una femminuccia ardesia. L’ho messa per la forma, non per il piumaggio.

Nei prossimi giorni sarà la volta di altri colori.

Read Full Post »

L'assalto alle spighe di Sorgo

La muta del piumaggio non è ancora finita. I canarini hanno bisogno dell’ultimo sprint per chiudere questo periodo di alto dispendio di energie e prepararsi al meglio per la stagione delle mostre.

Se ci guardiamo in giro vediamo che una delle erbe più presenti nei luoghi non coltivati è il Sorgo selvatico che in questo periodo è al massimo della vigoria.

Per questo motivo lo somministro ai soggetti in voliera almeno un paio di volte alla settimana. Naturalmente loro lo gradiscono a tal punto che spolpano gli steli lasciandoli completamente nudi.

Per la loro salute è quello che ci vuole: dopo tanti semi secchi almeno un po’ di semi teneri e freschi è un modo per fornire buoni nutrienti e rendere più varia la dieta.

Read Full Post »

I due piccoli Fife Fancy cinnamon col padre

Mi piace concludere idealmente la stagione cove 2010 con la foto di due fratelli dei Fife Fancy ripresi nel nido nel post di Marzo che apriva la stagione riproduttiva.

Si vedono i due Cinnamon sorvegliati dal padre mentre la madre, non ripresa, si ostina a cercare materiale da nido per riempire ancora la vecchia coppa appena usata per i due novelli. Sarebbe la quarta covata e quindi non la farà!

Si è rivelata un’ottima femmina molto brava nell’allevamento dei piccoli, molto ben aiutata da un maschio altrettanto instancabile. Ha iniziato la cova che ancora si era in febbraio come prima femmina del mio allevamento, ha tirato su amorevolmente 10 piccoli (4+4+2) e non è ancora stanca!

Tre covate sono un’eccezione nel mio allevamento. Non capita proprio mai ma questa volta i tempi accelerati di questa coppia e soprattutto la salute perfetta mi hanno spinto a lasciarmi andare. Ed ecco appunto i frutti (spennacchiati) della terza covata.

Il bilancio conclusivo dell’annata sarà argomento di un prossimo post quando tutte le coppie saranno definitivamente a riposo in voliera.

Read Full Post »

Il Tarassaco

I capolini di tarassaco

Capolini tagliati, pronti per l'uso

Tali e tante sono le virtù di questa erba dei campi presente massicciamente ovunque che elencarle tutte è un’impresa.
Basti dire che è un diuretico formidabile (dalle mie parti lo si chiama Piscialetto) e che è una vera bomba di vitamine A e C. Con queste premesse una foglia di Tarassaco è da considerarsi come un vero toccasana per i canarini.
Non tutti se ne ciberanno immediatamente ma, a mio parere, è la verdura spontanea in assoluto più gradita e i soggetti in allevamento si abitueranno con grande facilità e la ameranno tanto da muoversi nervosamente in gabbia vedendo l’allevatore maneggiarne una buona raccolta tra le mani. E’ un piacere vedere come la desiderano e come se ne cibano volentieri appena la inserisco nella gabbia chiudendone una foglia con lo sportellino di accesso o con quello delle mangiatoie.
Avvertenze d’obbligo: raccoglierla dove non c’è presenza di inquinanti, quando le foglie sono belle tenere e preferire quelle in ombra perché se raccolte al sole appassiscono subito perdendo appetibilità.
Anche i capolini con la piumetta bianca (lo stato appena precedente alla formazione della palla di semini e successivo alla fase del fiore giallo) sono validissimi perché forniscono semi nutrienti allo stato lattiginoso che si scoprono tagliandone la cima. Non tutti i canarini però appetiscono la pianta in questa forma mentre i nostrani ne vanno matti. Una volta avevo un lucherino che alimentava i suoi piccoli con questi semini, ne svuotava completamente i capolini e i piccoli crescevano a vista d’occhio. Uno spettacolo!
Durante il mese di Aprile l’abbondanza di questa verdura mi spinge a fornire una foglia per gabbia al giorno. I piccoli vengono subito imbeccati con questa leccornia e ciò spesso stimola le femmine svogliate.
Anche in estate durante il periodo della muta sono solito raccogliere foglie tenere e gettarle in voliera. Per me è un vero spettacolo vedere che lo stormo dei canarini plano immediatamente sulle foglie e inizia a divorarle. Purtroppo durante i mesi caldi il Tarassaco rallenta il suo ciclo vegetativo e la reperibilità di foglie tenere è più scarsa.
Ma con l’arrivo dell’autunno i campi regalano all’allevatore l’ultima raccolta generosa e il piumaggio dei nostri amati uccelletti ne trae giovamento per ben figurare alle mostre.
Come s’è capito io amo moltissimo il Tarassaco. E i canarini ringraziano.

Read Full Post »

Older Posts »