Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Fife Fancy’

Ecco i pulli della canarina verde brinata 110. Ricordi?

Ecco i pulli della canarina verde brinata 110. La ricordi?

Attorno al 15 aprile di solito faccio un piccolo bilancio del mio allevamento amatoriale di canarini Fife Fancy.
Il periodo corrisponde all’incirca alla metà del mio impegno nella cura delle coppie riproduttrici perché tra fine maggio e inizio giugno la baracca chiude! Chi ha ben riprodotto sarà ricordato mentre chi ha fatto poco o nulla ha perso l’occasione, spesso l’ultima. Insomma tutti in voliera, adulti e novelli, per il periodo di muta e riposo.
Quindi metà aprile è davvero centrale per capire come sono andate le cose e quanto può forse ancora essere rimediato all’ultima covata.
Dal punto di vista numerico si preannuncia un anno eccezionale. E’ pur vero che avevo alcune sfide selettive da mettere in campo con coppie formate per l’occasione 2014 (e quindi altre gabbie!!!). Ma non avrei creduto di contare a questo punto dell’anno circa 150 novelli anellati, tanto che il numero di anelli totali prenotati si dimostra già da ora insufficiente.

Non si può dire che questi piccoli Fife Fancy non siano ben nutriti!

Non si può dire che questi piccoli Fife Fancy non siano ben nutriti!

Ad onor del vero nel novero totale c’è anche qualche Irish Fancy.
La qualità? Domanda che sorge spontanea dal web….
Non lo so. E lo dico un po’ per scaramanzia e un po’ perché ho visto troppe volte negli anni dei novelli che manifestavano connotati davvero sopra le righe poi nell’autunno modificare in peggio la loro forma o scadere nel portamento. E’ vero anche il contrario però: canarini giovani che non mi dicevano granchè, mutare e diventare dei veri gioiellini nella stagione delle esposizioni.
Devo dire comunque che la mia fissa per teste particolari sta producendo risultati sempre più confortanti, almeno per quello che si riesce a vedere ora. A ottobre la verifica finale.
Lo stato di salute di adulti e novelli mi pare ottimale e le perdite, pochi canarini giovanissimi, è inferiore alla mia media e circoscritta a casi di normale selezione naturale di soggetti deboli.
Non ho avuto alcuna patologia evidente nonostante non abbia fatto particolari trattamenti precova.
Auguro a chi mi segue di ottenere quello che sto ottenendo io (e anche di più!) nella stagione cove 2014 con i miei Fife Fancy.

Novelli di Fife Fancy in ottimo stato di salute.

Novelli di Fife Fancy in ottimo stato di salute.

 

 

 

 

Read Full Post »

in-allevamento-Fife-Fancy

E’ cominciata un poco in anticipo la stagione riproduttiva nel mio allevamento di Fife Fancy per il 2014. Qualche giorno prima dell’anno scorso, complice forse questo inverno piovoso come mai ho visto prima e del tutto mite con temperature ben più alte della media.

Ho scelto di aumentare il numero delle coppie perché sono tentato dalla sperimentazione selettiva di alcuni soggetti con caratteristiche spiccate e a mio avviso molto interessanti oltre alla continuazione della selezione del mio ceppo con pochi, calibrati, innesti di nuovi geni.

La scorsa settimana ha visto il via ufficiale al periodo della riproduzione tra i miei Fife Fancy.

La prima a cominciare è stata la verde brinata con anello numero 110 che è stata protagonista del post sullo strano caso del canarino da 84 punti. Proprio lei!

Ebbene è proprio alla canarina 110 che guardo con grande attenzione per le sue buone caratteristiche generali ma soprattutto per l’ottimo piumaggio e per una testa che, per un brinato, a mio avviso è non comune. Vedremo se le complesse leggi della genetica combaceranno con le mie idee e i miei obiettivi.

La prima foto riprende il sottoscritto in allevamento con le prime coppie intente (in tutto 6 o 7) alla costruzione del nido e risale ad una settimana fa. Già dopo quattro o cinque giorni la situazione è quella della seconda foto con tutto il pannello da 20 gabbie ormai abitato e arricchito col cestino per la juta.

Sono quindi in piena produzione perché a pochi giorni da quest’ultima immagine alcune canarine sono stabilmente impegnate nella cova.

I maschi che solo la scorsa settimana vedevo impacciati e con uno stato di forma amorosa insufficiente, ora dimostrano di essere ben più ringalluzziti. Vedremo i risultati di questo loro risveglio!

Auguro a tutti voi che leggete questo blog di avviare e consolidare nel migliore dei modi la stagione cove 2014!

Naturalmente chi vuole postare i suoi commenti o aggiornarci sulla situazione nel proprio allevamento lo può fare scrivendo nel box commenti qui sotto.

pannello-20-gabbie-fife-fancy

Read Full Post »

Primo melaninici punti 94 allevatore Barretta

Primo nei Fife Fancy melaninici. Punti 94. Allevatore Barretta

Altra visuale dello stesso canarino vincitore

Altra visuale dello stesso canarino vincitore. Dorso molto ben arrotondato.

Dopo il post di commento generale al campionato del mondo di ornitologia 2014, vorrei dire che senz’altro Bari è stata una bellissima vetrina per tanti canarini davvero ottimi, alcuni premiati e altri no, come sempre. Un’esposizione nel suo complesso davvero interessante per “farsi gli occhi” e meditare sulle scelte selettive per ogni razza.

Per gli amati Fife Fancy direi che con prepotenza si nota come il carattere zampe si stia fissando correttamente in un numero sempre maggiore di esemplari, dato molto positivo. Sempre ampiamente rappresentati i micro-Fife che, a causa della loro taglia minima, perdono alcuni connotati ma questa è questione ormai vecchia. Valida e confortante la quantità di soggetti di bella posizione con dorsi corretti e dolcemente arrotondati. C’è ancora da lavorare sui fattori teste e qualità del piumaggio. Infatti per questi due aspetti sono stati pochi i Fife che mi hanno entusiasmato ma, dato che il Fife perfetto non esiste, almeno ci sarà da divertirsi negli anni a venire per migliorare i già belli canarini da mostra in circolazione.

Come di solito offro una mia personalissima valutazione di alcuni canarini esposti e da me osservati sabato pomeriggio e domenica mattina. Ormai chi mi legge da tempo sa che i miei giudizi non sono mai fatti per incensare o dileggiare alcuno. Vanno presi per un mio modesto contributo alla crescita del Fife Fancy con l’obiettivo di tendere sempre più al miglioramento della razza. Naturalmente nei commenti a questo post c’è tutto lo spazio che si vuole per intervenire.

Nei Fife Fancy liporcomici ha prevalso un bel canarino del belga Willy Bressinck, molto tondo e di buone caratteristiche nonostante la taglia piccola.

Primo nei Fife Fancy  lipocromici pezzati. Allevatore Massimo De Giglio.

Primo nei Fife Fancy lipocromici pezzati. Allevatore Massimo De Giglio.

Secondo nei Fife Fancy lipocromici pezzati. Allevatore Bressinck.

Secondo nei Fife Fancy lipocromici pezzati. Allevatore Bressinck.

Secondo nei Fife Fancy lipocromici pezzati. Allevatore Cagnoli.

Secondo nei Fife Fancy lipocromici pezzati. Allevatore Cagnoli.

Negli stamm facevano bella mostra di sé i quattro gialli intensi di Lorenzo Barretta classificatisi primi anche sei i suoi soggetti migliori sono certamente gli ardesia di cui parlerò. Ottimi piazzamenti per Hans Jurgen Kraus e Luigi Ferraro, secondo e terzo.

Negli stamm dei melaninici il secondo posto è andato a Lorenzo Barretta con un quartetto di ardesia ben proporzionati, tondi ed eleganti. Al primo posto si sono piazzati i quattro di Jan Guy Darrou, allevatore i cui soggetti avevo già visto a Tours con punteggi molto alti. Anche qui vince, pur con punteggi normali, ma le caratteristiche che avevo visto allora sono confermate. Fife Fancy pesanti, con teste troppo piccole rispetto al corpo generoso, nel complesso non molto eleganti. Non mi so spiegare il risultato.

Tra i melaninici singoli ancora Lorenzo Barretta è salito sul podio, stavolta al gradino più alto, con un ardesia da 94 punti che, a giudizio dello scrivente, era forse il più bel Fife Fancy visto a Bari. Dietro di lui Angelo Cantante (molto buono il suo Fife) e il belga Wim Straetmans.

Negli stamm dei lipocromici pezzati ha vinto Angelo Cantante seguito da Laurence Jemmet e Antonio Zenodocchio. Tutti buoni nel complesso ma con evidenti spazi di miglioramento soprattutto per la qualità e compostezza di piumaggio.

Ho trovato interessante il Fife Fancy esposto dall’amico Massimo De Giglio e vincitore con ben 94 punti tra i lipocromici pezzati. Si tratta di un bianco pezzato che in gabbia non dava il massimo di sé palesando una testa non ottimale, un piumaggio un poco scomposto e una coda migliorabile. Naturalmente il canarino bianco va considerato a sé perché questo colore mette in risalto i difetti. Per il complesso un soggetto ben equilibrato e di discreta eleganza.

Nella stessa categoria l’amico Angelo Cantante si è aggiudicato un terzo posto con 92 punti dopo un buon canarino di Willy Bressinck. Il Fife di Angelo era molto ben proporzionato con la sola eccezione del dorso. Comunque bello.

Primo nei Fife Fancy melaninici pezzati. Allevatore Timm.

Primo nei Fife Fancy melaninici pezzati. Allevatore Timm.

Terzo nei Fife Fancy lipocromici pezzati. Allevatore Cantante.

Terzo nei Fife Fancy lipocromici pezzati. Allevatore Cantante.

Terzo nei melaninici. Allevatore Straetmans.

Terzo nei melaninici. Allevatore Straetmans.

Nei melaninici pezzati ha primeggiato Christoph Timm con un verde intenso da 94 punti cui difettava forse solo un poco di zampe (nella foto lo si vede mentre sta gonfiando il piumaggio: non è quello il suo profilo reale).

Subito dietro si è piazzato l’italiano Mario Cagnoli a 93 punti con un bel canarino che poteva dare di più soprattutto in una più accentuata rotondità complessiva ma per il resto validissimo e con una piuma buona.

Nella stessa categoria ma negli stamm ha vinto Hans Jurgen Kraus con canarini di buona proporzione e molto simili tra loro. Al terzo posto l’amico Michele Apuzzo.

Come ho scritto nel post precedente avrei voluto vedere esposti un maggior numero di Fife Fancy di altre nazioni oltre la nostra. Essendosi assottigliata la componente estera i nostri ne hanno tratto vantaggio dominando largamente le classifiche comunque con canarini quasi tutti di livello molto alto e quindi con merito.

Di punto in bianco il Fife Fancy italiano da cenerentola europea (o quasi) emerge in tutta la sua forza. Adesso l’obiettivo è quello di non tornare nell’oblio ma anzi di primeggiare anche nelle prossime competizioni mondiali, a partire dal 2015 in Olanda!!!

Primo negli stamm lipocromici pezzati. Allevatore Cantante.

Primo negli stamm lipocromici pezzati. Allevatore Cantante.

Primo negli stamm dei melaninici. Allevatore Darrou.

Primo negli stamm dei melaninici. Allevatore Darrou.

Primo negli stamm melaninici. Allevatore Kraus.

Primo negli stamm melaninici. Allevatore Kraus.

Secondo stamm dei melaninici pezzati. allevatore Daniele De Giglio.

Secondo stamm dei melaninici pezzati. Allevatore Daniele De Giglio.

Read Full Post »

L'ingresso del padiglione riservato al campionato del mondo di ornitologia a Bari

L’ingresso del padiglione riservato al campionato del mondo di ornitologia a Bari

Dopo Piacenza di qualche anno fa, ecco un nuovo mondiale in Italia, il 62esimo della serie.

La sede prescelta è stata Bari come si conviene ad una logica di distribuzione da nord a sud dei principali eventi del settore, giusta e condivisibile soprattutto in linea di principio. Tuttavia la location pugliese ha evidentemente scoraggiato espositori e visitatori, complice anche la crisi economica in atto.

La sezione dedicata agli uccelli in mostra

La sezione dedicata agli uccelli in mostra

La zona dedicata al mercato orntitologico

La zona dedicata al mercato orntitologico

Restando in ambito di Fife Fancy si è avvertita la mancanza di alcuni allevatori italiani che normalmente espongono canarini di livello che in un mondiale avrebbero potuto avere il giusto risalto e magari ben figurare.

Tra i dati non positivi della kermesse ornitologica barese va proprio al primo posto il fattore “presenze”. Ne riparlerò.

Tra i dati positivi va citata l’ampiezza del padiglione della Fiera del Levante e il servizio di sicurezza interna che ha svolto egregiamente il proprio ruolo con professionalità. All’esterno, purtroppo, è stata cosa ben diversa perché entrare alla Fiera del Levante con l’auto è stato come combattere una battaglia corpo a corpo. Poco edificante.

Un dato positivo è stata la presenza di un discreto mercato ornitologico con varie aziende del settore presenti e un accettabile numero di espositori assiepati nella calca dei tavoli su cui erano poggiate le gabbie con gli ultimi surplus della stagione 2013 mentre la nuova è alle porte. Non ci si poteva fare illusione sull’ampiezza dell’offerta di canarini e altri uccelli perché a fine gennaio i giochi sono ormai fatti ma qualcuno ha potuto rimediare a qualche mancanza dell’ultima ora.

Nella grande area della mostra è stato difficile gustarsi i soggetti nella loro varietà in quanto non disposti in ordine ma raggruppati in modo confuso solo rispettando le macro categorie a concorso. Per trovare i miei tre canarini ci ho messo un bel po’ non essendoci stato alcun riferimento da seguire con le gabbie messe a caso senza rispettare l’ordine numerico.

Naturalmente il mondiale è da sempre un momento di incontro oltre che di competizione tra gli allevatori delle varie razze. Come sempre è stato bello commentare i risultati, esprimere le proprie opinioni sui canarini esposti e medagliati.

Qualche faccia da funerale ma tantissimi visi che sprizzavano gioia e questo fa parte del gioco.

I visitatori sabato non erano poi un granchè, per la gran parte concentrati nell’area del mercato. La situazione è migliorata la domenica con un afflusso di tutto rispetto ma forse ancora inferiore alle attese.

Quello che onestamente a me personalmente è mancato è stato l’incontro con gli allevatori stranieri che non erano poi tanti. Con alcune eccezioni come gli irlandesi giunti in un bel gruppetto per fare onore alla loro razza di canarino, l’Irish Fancy.

Volendo tracciare un mio personalissimo bilancio del mondiale di Bari 2014 non posso tacere certi dati che, almeno per i Fife Fancy, inducono a qualche riflessione.

fife-fancy-agli-ultimi-mondiali

Gli ingabbi dei Fife Fancy sono stati 494, stamm compresi, in deciso calo di circa il 22% sia rispetto ad Hasselt 2013 che ad Almeria 2012, calo che si vedeva anche ad occhio attento. Credo sia un dato da interpretare soprattutto con la scomodità del capoluogo pugliese per il “cuore” del mondo ornitologico che è il centro Europa, Belgio in particolare. Eppure anche Almeria è nel sud d’Europa, in Spagna, e per alcune nazioni è persino più lontano di Bari per chi si sposta in auto o pullman.

Il caso vuole però che il numero di Fife Fancy ingabbiati dagli allevatori italiani sia stato decisamente alto, forse abnorme per la nazione ospitante il mondiale.

Fife-fancy-locali

Se questo ha permesso ad un maggior numero di allevatori del nostro Paese di affermarsi ai primi posti, altrettanto chiaramente ha impedito un maggiore confronto qualitativo che è il sale di ogni mondiale che si rispetti e che fa crescere la conoscenza delle razze esposte. Una pubblicità diceva: “ti piace vincere facile?” e questo non è il caso perché i Fife Fancy italici hanno fatto una bella figura indipendentemente dai punteggi. Tuttavia il dato è piuttosto eloquente: se ad Hasselt come ad Almeria i Fife Fancy degli allevatori di quelle nazioni erano circa il 40% del totale, con Bari si è saliti ad un “abnorme” 67% di canarini italiani che a mio parere non è un dato positivo. Almeno per questa razza (non ho il tempo di ampliare l’esame) si potrebbe parlare di un campionato italiano allargato agli stranieri.

Poiché i numeri vanno letti per capire e sapersi poi regolare per il futuro, non possiamo coprirci gli occhi davanti ad un altro elemento. Facciamo una simulazione. Se non ci fosse stata la eccezionale risposta numerica dei Fife ingabbiati dagli italiani e ci fossimo comportati come gli altri nei mondiali ospitati a casa loro (percentuale tra Fife locali e stranieri più bilanciata), allora il calo di ingabbi reale non sarebbe stato solo del 22% ma si sarebbe assestato su un rotondo 40% circa che sa di drammatico. In poche parole noi italiani che amiamo il Fife Fancy abbiamo evitato il disastro. E’ stato così anche nelle altre razze? Non so.

Due ultime parole per ringraziare l’organizzazione barese e pugliese più in generale con i volontari che si sono prodigati per la ottimale riuscita del mondiale. Bravissimi. E, mi sia permesso, un bravi anche ai “ragazzi” della SOR di Reggio Emilia senza i quali la procedura di sgabbio sarebbe diventata materia da cronaca nera. Qualcuno si ricorderà di loro nei proclami ufficiali del dopo-mondiale?

Il prossimo post analizzerà da vicino alcuni tra i Fife Fancy esposti e vincenti. Tra poco.

Angelo Cantante nella sua postazione in zona mercato

Daniele De Giglio nella sua postazione in zona mercato

Angelo Cantante al mercato ornitologico

Angelo Cantante al mercato ornitologico

Giorgio Zampese e, dietro, Lorenzo Barretta impegnato in attività di public relations

Giorgio Zampese e, dietro, Lorenzo Barretta impegnato in attività di public relations

Giorgio Zampese e Claudio Zen, alta concentrazione di sapienza in Japan Hoso e Razza Spagnola

Giorgio Zampese e Claudio Zen, alta concentrazione di sapienza in Japan Hoso e Razza Spagnola

Read Full Post »

il mio Fife Fancy verde brinato di cui parlo

Il mio Fife Fancy verde brinato di cui parlo nell’articolo

Torno ancora una volta sulla mostra ornitologica internazionale di Reggio Emilia 2013.

Quest’anno davvero ha dato molto da dire (e nel mio caso da scrivere) sui Fife Fancy e sul trattamento ricevuto da parte della quaterna di giudici internazionali chiamati a dare i punteggi ai canarini esposti a concorso.

Nell’ambito di una generale situazione in cui ben pochi Fife Fancy hanno raggiunto il podio e posizioni onorevoli, ci sono state di converso montagne di uccelletti di razza Fife degne del mattatoio (paragone infelice! ma calzante). Chi è quel pazzo che allevando canarini di forma e posizione ritiene di proseguire una selezione riproduttiva che ha partorito canarini presunti da mostra che poi hanno incassato voti talmente bassi da decretarne una sonora bocciatura? E’ un po’ come dire: il mio figliolo è bravo e studioso quindi è degno di fare l’università anche se ha preso tutti 4 o 3 in pagella. Umh, qualcosa non va, vero? Eppure è accaduto anche ad allevatori di nome ben noto per ottimi e continui piazzamenti oltre che ad allevatori che da una vita amano e riproducono il Fife Fancy con successo e perseveranza.

Non conoscono forse più lo standard? Può essere. Tra coloro che hanno questa amnesia ci sono anch’io avendo avuto un canarino “bollato” con un 84 e tra tutti quelli bocciati con 86, 85, 84 e 83 sono in buona compagnia.

Il mio Fife Fancy e la posizione

Il mio Fife Fancy e la posizione

Allevo il Fife Fancy dalla fine degli anni Novanta e mi sono fatto una certa esperienza. Penso di conoscere qualcosina dello standard ufficiale ma sono comunque affamato di sapere, di conoscere e di migliorare.

Ho sempre saputo che i canarini classificatisi con votazioni tanto basse fossero da buttare oppure palesassero difetti tali e tanti dovuti alla mancanza di cure (piumaggi inguardabili, soggetti malati, canarini sporchi ecc.). Di sicuro un canarino da 85 – 84 – 83 punti è talmente scarso che non è un vero Fife ma una accozzaglia di sgangherate caratteristiche che lo allontanano dalla razza indicata nella scheda di ingabbio.

Poiché la cosa mi incuriosisce ho analizzato il mio “84”, ho valutato punto per punto la scheda di giudizio e l’ho pure fotografato. Così, tanto per fare, magari per capire meglio. Sicuramente per mettere in gioco le mie capacità di “giudice” dei miei stessi canarini.

Il mio Fife Fancy: testa rotonda?

Il mio Fife Fancy: testa poco rotonda?

Si tratta di un verde brinato. Dico fin da ora che è nella lista dei miei “incedibili” perché proviene da una linea di sangue che a mio parere promette bene. Quindi essendo una femmina è già da tempo stato scelto il degno suo consorte che ha interessanti caratteristiche, un verde intenso. Se la stagione riproduttiva sarà fortunata mi piacerebbe parlare la prossima estate dei figli di questa “strana” femmina da 84 punti. Li vedremo e li commenteremo.

Il mio Fife Fancy: attivo e curioso

Il mio Fife Fancy: attivo e curioso

Scheda punti (vedi in fondo al post) del mio Fife Fancy anello 110 del 2013:

Taglia: punti 21 su 25 quindi una decisa penalizzazione di ben 4 punti. Mi sembra pesante ma ci può stare perché in genere i miei canarini non sono microFife e il canarino in questione in effetti non è piccolo. Io avrei dato 22 su 25.

Testa e collo: punti 8 su 10. Qui faccio fatica a capire i due punti di penalizzazione perché è un brinato proporzionato per questi connotati. Ovviamente non essendo un piccolo canarino la testa è in proporzione. Io avrei dato 9 punti.

Corpo e dorso: punti 7 su 10. Penalizzazione molto forte anche se il dorso è ben presente e il corpo tutt’altro che sgraziato. Ammettiamo che sul tavolo non stava dando il meglio ma questo canarino credo meriti almeno 8 punti.

Il mio Fife Fancy. Primo piano sul suo dorso

Il mio Fife Fancy. Primo piano sul dorso

Ali: punti 9 su 10. Penalizzazione leggera ma presente. Su questa posso concordare.

Piumaggio: punti 8 su 10. Qui non capisco. Il piumaggio è bello, lucente (è pur sempre un brinato), sericeo e compatto senza sbuffi. Forse il canarino si è tirato proprio in fase di giudizio? Boh, possibile. Io avrei dato almeno 9.

Colore: punti 9 su 10. Ancora una leggera penalizzazione ma in questo caso le foto, non dovendo riprendere forma e movimento, rappresentano la pura realtà, senza dubbi e interpretazioni. Che ne dici? Io comunque su questa voce non avrei dato penalizzazioni.

Posizione e movimento: punti 8 su 10. Altra penalizzazione e allora ipotizziamo che al momento in cui il giudice l’aveva davanti agli occhi forse si è accucciato… Pur essendo un canarino di buone zampe e non avendo mai manifestato questo difetto in allevamento voglio anch’io togliergli due punti!

Gambe (in realtà negli uccelli si dice zampe!): 5 su 5. Finalmente non penalizzato!

Coda: 5 su 5. Ancora salvo!

Condizioni generali: 4 su 5. Questa proprio non la capisco. Era ed è tutt’ora in formissima, vivace, con una bella piuma pulita e splendente. Io avrei dato 5.

Ok, il mio gioco a fare il giudice è finito. Quanti punti avrebbe preso col mio inutile e personalissimo giudizio? Faccio i conti ed esce 90 ! Troppo? Forse si. Forse no. Non mi sembra di essere stato tenero e troppo di parte. E comunque ho giocato.

Accetto fin da ora le critiche e i pareri di tutti. Beninteso non posso certamente chiederti di esprimere il tuo giudizio solo attenendoti ad alcune immagini che possono essere fuorvianti e il mio esperimento si conclude con un sorriso. Nulla di più.

Forse ho imparato qualcosa di nuovo e forse ho capito perché i Gloster (per esempio) in grandissima parte hanno ottenuto dai 90 punti in su.

Il mio Fife Fancy e il colore del piumaggio

Il mio Fife Fancy e il colore del piumaggio

scheda-giudizio-fife-84-punti

Read Full Post »

Mostra ornitologica Reggio Emilia. Settore canarini di forma e posizione.

Mostra ornitologica Reggio Emilia. Settore canarini di forma e posizione.

Ho scritto come al solito volentieri un commento sui Fife Fancy esposti alla internazionale di Reggio Emilia 2013. Ora riprendo l’argomento iniziato allora perché forse non si sono pesate e valutate nel modo più corretto le risultanze dei giudizi dei canarini esposti di questa bellissima razza.

Cosa è successo nella più grande e rinomata manifestazione ornitofila italiana?

Beh, i Fife Fancy esposti, con microscopiche eccezioni, sono stati bastonati severamente come mai accaduto prima. Poco male, dirai, ci sarà una prossima occasione. Giusto.

Tuttavia l’accaduto mi porta ad alcune riflessioni senza pretese che faccio scrivendo questo articolo per gli appassionati della razza.

I giudici erano quattro: olandese, italiano, francese e spagnolo.

Essendosi divisi (credo equamente) i soggetti da giudicare, hanno scritto sulla scheda valutazioni sostanzialmente non difformi perché tutti hanno premiato con 90 punti e più solo pochissimi canarini, oasi nel deserto o aghi nel pagliaio, fai tu.

E le altre razze a concorso?

Niente di tutto ciò. Infatti se guardiamo i dati di giudizio delle razze di forma e posizione numericamente più significative non possiamo non notare che la “bastonata” non le riguarda perché i giudici hanno ritenuto che i canarini rispondenti allo standard siano in buona proporzione numerica sul totale dei presenti. Nessun problema generale, insomma, ma buoni/ottimi canarini in bel numero e altrettanti non così buoni, da rivedere o da compensare durante la prossima stagione riproduttiva. Ma nulla di drammatico.

Nel caso del Fife Fancy questa variabilità è risultata del tutto assente. Numeri davvero minimi di buoni/ottimi soggetti e una valanga senza pietà di tutto il resto. I punteggi per questi ultimi sono andati dagli 89 fino agli 83 (ripeto: ottantatre!) punti. Ho difficoltà a ricordare Fife Fancy da 84 punti, figuriamoci da 83. Un dato storico.

Ho sempre saputo che i punteggi di canarini che per alcune caratteristiche difettano e si allontanano dallo standard possono arrivare comunemente a 87, anche a 86 per quelli con più chiari elementi da migliorare. Posso anche pensare ad un canarino che pecchi un po’ ovunque e che scenda a 85 ma al di sotto di questa soglia non si tratta più di un Fife Fancy ma di un’altra cosa. Forse ne riparlerò altrove.

Invece è successo e, si badi bene, solo nei Fife Fancy.

Nei Fife Fancy sono pochissimi i canarini di qualità.

Nei Fife Fancy sono pochissimi i canarini di qualità.

Quello che i giudici sono stati concordi nel dare è quindi un parere deciso e senza appelli sul Fife Fancy italiano che, nei fatti, viene classificato di serie B nella stragrande maggioranza dei casi.

E’ un elemento che deve far riflettere.

Peccato soltanto che non esista un momento di incontro tra giudici e allevatori per commentare assieme in generale la situazione dei canarini esposti e imparare proprio da chi giudica quali siano le più diffuse mancanze cui si dovrà rimediare.

Credo che sia compito della commissione tecnica valutare i dati emersi dalla mostra di Reggio Emilia ed estrapolarne indicazioni chiare e nette. Altrimenti la batosta per i nostri cari beniamini pennuti non sarà servita a nulla e a nessuno.

I nostri Fife hanno piumaggi scarsi?

I nostri Fife difettano per forma?

I nostri Fife hanno teste strette e poco o nulla tonde?

I nostri Fife hanno dorsi piatti?

Che queste siano tendenze imperanti nel nostro paese dove regna la ricerca del micro-Fife io lo scrivo da tempo e ormai mi è venuto a noia. Quello che mi sembra strano è che il “problema” si sia manifestato in modo esplosivo di punto in bianco in questa mostra e mai evidenziato prima. Molti allevatori si sarebbero mossi per tempo su binari selettivi più consoni. Il ritornello che gira da anni è che il Fife italiano è bello, per alcuni addirittura il più bello in assoluto.

La mostra di Reggio Emilia riporta tutti sulla terra e alla cruda “realtà”.

Ma va bene così se ciò serve per migliorare e crescere per portare tutti assieme a livelli più consoni il Fife italiano.

La commissione tecnica ha qualcosa da dire?

Nei Gloster il numero dei canarini validi e quelli meno è molto simile

Nei Gloster il numero dei canarini validi e quelli meno è molto simile

Si badi bene che le altre più note razze a concorso (vedi Gloster) non scendono sotto gli 86 punti minimi (salvo rarissime eccezioni) e che i canarini da 90 punti e oltre sono davvero in misura confortante come è giusto che sia.

Per dare un’idea di quello che sto dicendo ho realizzato due grafici. In alto c’è quello che riguarda l’amato (da noi) Fife Fancy, mentre nel secondo c’è il Gloster per confronto. Per semplificarmi le cose, i dati derivano in un caso e nell’altro dalle due categorie espositive numericamente più rappresentative all’interno della stessa razza.

Chi ha voglia di commentare lo faccia scrivendo nel box qui sotto!

Read Full Post »

Vincitore Fife Fancy melaninici intensi pezzati. Allev. Apuzzo.

Vincitore Fife Fancy melaninici intensi pezzati. Allev. Apuzzo.

Come di consueto in questo periodo commento la mostra ornitologica più grande e prestigiosa d’Italia, ogni anno egregiamente organizzata e gestita dalla SOR Società Ornitologica Reggiana.

La moltitudine di appassionati che la visita fa sì che non sia del tutto agevole incontrarsi e dialogare con calma. Nei due padiglioni adibiti al mercato in cui gli allevatori cedono i surplus dei loro allevamenti ciò è possibile solo in primissima mattinata, poi subentra il caos,

Situazione fortunatamente diversa nel padiglione mostra in cui ci si può fermare e commentare gli esiti dei giudizi.

Vincitore bianchi. Allevatore Maestrello.

Vincitore bianchi. Allevatore Maestrello.

Vincitore gialli intensi. Allevatore Maestrello.

Vincitore gialli intensi. Allevatore Maestrello.

Parlando di Fife Fancy vorrei dire subito che il giudizio di quest’anno è stato strano.

Con questo non voglio dire che chi ha vinto non lo meritasse. Anzi, direi che tanti soggetti davvero belli sono saliti giustamente ai più altri gradini del podio d’onore. Quello che mi ha lasciato sorpreso e in taluni casi “di sasso” sono stati i punteggi assegnati a canarini davvero di livello alto che si sono visti appioppare sonore bocciature sotto forma di somme punti davvero inspiegabilmente minime.

Cosa è successo? Difficile dirlo anche perché i giudici Fife Fancy erano ben quattro, quindi in grado di suddividersi l’impegno in modo adeguato nonostante i Fife esposti fossero come al solito molto numerosi. Sabato e domenica, a sei o sette giorni dall’ingabbio e ad alcuni giorni dal giudizio, tanti bei Fife si dimostravano ancora in perfetta forma e senza stress alcuno, quindi in grande spolvero e capaci di dimostrare il loro valore. Eppure su molte, troppe gabbie erano appuntate schede di giudizio penose. Forse si potrebbe ipotizzare che al momento del giudizio i canarini non siano stati fatti ambientare e rilassare nel modo dovuto? Possibile un errore tanto elementare con giudici internazionali e di sicura esperienza? Non saprei.

L’impressione che io ed altri abbiamo avuto è stata quella di premi riservati a pochi bei canarini con validi punteggi dietro i quali si è creato il deserto con una moltitudine, davvero superiore a tantissime mostre che ho visitato, di canarini classificati come di serie B o C o forse anche D.

Strano perché Fife Fancy molto meritevoli sono finiti tra gli “errori di allevamento” mentre magari poche settimane prima erano saliti sul podio di mostre titolate o internazionali addirittura. Difficilmente comprensibile.

Una vera ecatombe ha toccato canarini esposti che hanno ottenuto 84, 85, 86 punti pur essendo in standard e in buone condizioni di salute ma su questo avrei voglia di tornare con un prossimo articolo. Ancora una volta: strano.

Se si analizzano i punteggi per ogni categoria emerge con chiarezza lampante che i soggetti (a parere dei giudici) in linea con lo standard sono talmente pochi che la situazione generale risulterebbe imbarazzante. In Italia i Fife Fancy fanno pena quindi? Parliamone, sarebbe interessante.

Lo si direbbe dai risultati: su una moltitudine di Fife Fancy esposti ci sono stati un solo 94, tre 93, pochi 92, 91 e pure scarsi 90 seguiti da una marea di voti bassi che ha letteralmente dilagato trasversalmente coinvolgendo allevatori blasonati e meno. Un esempio? I verdi intensi dove su 35 ingabbi singoli ci sono stati giusto 3 (tre!) canarini dai 90 in su e qualcosa come 32 (trentadue!) dagli 89 in giù. Insomma il 91% scartati! Strano.

Che dire poi degli stamm dove in diverse categorie nessuno ha avuto l’onore di raggiungere anche il più basso dei gradini del podio? Strano.

Il mio lipocromico giallo intenso.

Il mio lipocromico giallo intenso.

Vincitore lipocromici gialli brinati. Allevatore Barretta.

Vincitore lipocromici gialli brinati. Allevatore Barretta.

Vincitore cinnamon intensi. Allevatore Fermi.

Vincitore cinnamon intensi. Allevatore Fermi.

Tra gli amici allevatori che hanno ottenuto soddisfazione ci sono Apuzzo, Maestrello, Barretta, Ceragioli, Padrini che hanno esposto Fife Fancy davvero interessanti.

Mi sarà consentito una lode particolare all’amico Tiziano Maestrello che ha primeggiato con canarini che hanno beneficiato di genitori provenienti dalla linea di sangue dei miei Fife Fancy. Mi fa un grandissimo piacere.

Per quanto mi riguarda, nonostante i problemi che ho avuto nei canarini destinati alla mostra, ho ottenuto un 91 (secondo) nei lipocromici pezzati brinati con un maschio inserito all’ultimo momento, un 90 (terzo) nei gialli intensi e un 91 in un verde intenso dello stamm.

Bene, come al solito allego alcune delle foto dei canarini premiati tra i Fife Fancy. Mi dispiace non aver ottenuto una foto decente del mio maschietto ardesia pezzato che quindi non avrà l’onore di essere presente. Per gli altri ho dovuto per motivi di forza maggiore selezionare le immagini tecnicamente più riuscite. Non sempre ce l’ho fatta.

Vincitore Ardesia. Allevatore Barretta.

Vincitore Ardesia. Allevatore Barretta.

Vincitore lipocromici pezzati brinati. Allevatore Ceragioli.

Vincitore lipocromici pezzati brinati. Allevatore Ceragioli.

Ed ecco Ceragioli felice per il risultato raggiunto dal suo pezzato.

Ed ecco Ceragioli felice per il risultato raggiunto dal suo pezzato.

Read Full Post »

Fife Fancy

Uno dei miei migliori Fife Fancy del 2013 che si abbassa per volare sull’altro posatoio. Piume della coda rovinate dai compagni di gabbia!

Il titolo può essere fuorviante. In realtà trovo piacevole visitare le mostre ornitologiche perché sono momenti di incontro e di chiacchiere utili a scaricare le tensioni settimanali e i problemi che ognuno di noi ha. Il passatempo dell’allevamento di canarini è sempre rilassante e il parlare con altre persone che hanno lo stesso hobby è quanto di più “antistress” ci possa essere anche se si tratta di questioni, dobbiamo dirlo, di poco conto. Ma vanno benissimo!

Quello che i miei amici sanno è che io non amo particolarmente partecipare alle mostre ornitologiche come espositore.

È una mia caratteristica, un mio difetto che qualcuno anni addietro ha addirittura additato come comportamento antisociale rinfacciandomelo come fosse un peccato mortale. In realtà nulla di questo.

La verità è molto semplice. Nella gestione di un allevamento di canarini, nel mio caso di Fife Fancy, la cosa che preferisco e che trovo elettrizzante più di ogni altra è il momento in cui si creano i progetti per il futuro, si studiano i novelli uno per uno, quindi si individuano le coppie per l’anno a venire. Una fase creativa e complessa, fondamentale per tenere alta la qualità del ceppo.

Siamo in autunno ed è proprio in questi giorni che concludo il percorso che, iniziato a metà o fine settembre dopo la muta dei canarini novelli, mi porta a scegliere chi saranno i prossimi riproduttori, quali accoppiamenti fare e per quali fini. E inevitabilmente a mettere da parte i canarini che non faranno parte del mio selezionato team per la prossima primavera.

Infatti proprio quando i miei amici allevatori si dilettano a scegliere e preparare i campioni per le mostre, io non ci penso nemmeno e mi dedico a piena energia a progettare il futuro studiando maniacalmente per ore le testoline, le piume, il portamento eccetera per i soli fini riproduttivi. Strano vero?

Tanto strano che c’è chi mi chiama al telefono per ricordarmi di prenotare la mostra di Reggio Emilia perché altrimenti me ne dimenticherei (già successo più volte).

Confesso che per me è una sofferenza mettere da parte i canarini per le mostre (infatti non rientra nelle mie abitudini), toglierli dalle gabbie, caricarli nei trasportini e affrontare il viaggio che mi porterà all’ingabbio. Anche se, come nel caso di Reggio, alla fine per me è un giretto di una sola mezz’ora. Sono fatto così.

Conseguenza nefasta di questo mio atteggiamento mentale è quella di essere una frana nella preparazione dei canarini per le mostre. È una fase che non mi interessa, non mi regala piacere.

Non so cosa significhi il lavaggio delle piume e altre tecniche di toelettatura utili a portare i nostri beniamini presunti campioni a dare il meglio di sé davanti ai giudici. Io guardo con attenzione e severo giudizio la forma, la qualità della piuma, la rispondenza allo standard per tutti i caratteri e poi… stop.

Ovviamente non posso pretendere che il giudice chiuda un occhio su qualche penna che non vuole stare al suo posto, a qualche pennuzza beccuzzata dai compagni di gabbia, alle piume opache.

Proprio quest’ultimo è un elemento che mi devo decidere una volta per tutte ad affrontare, facendomi violenza. L’acqua della mia zona è ricchissima di calcare ed è sicuramente la peggiore perché quando il canarino fa il bagnetto è un po’ come se si stendesse una patina opaca sul piumaggio. Anche quando il Fife Fancy in questione è un gran bel canarino, il giudice appiopperà quel punto o due punti in meno. Purtroppo.

Stimo e invidio moltissimo quegli allevatori che mettono in gabbie singole da agosto quei canarini che sono destinati alle mostre e li coccolano in ambiente semisterile, pulito come una sala operatoria. Hanno tutta la mia stima ma… a me piace la selezione per lo standard e sono contento quando il livello qualitativo dei miei Fife Fancy sale e guadagna nuovi livelli con canarini di elevata genealogia. È il mio orgoglio, la mia soddisfazione, con o senza mostre.

Che fare allora? Cambiare hobby o cambiare cervello?

In attesa di una decisione attendo volontari che commentino qui sotto magari con i loro consigli per rendere al top l’immagine dei canarini per le mostre.

Fife Fancy

Bella femmina Fife Fancy destinata ad uno stamm. Purtroppo le penne della coda non sono ben allineate.

Read Full Post »

mostra-fenice-2013

Bravi come sempre gli organizzatori dell’ultima mostra ornitologica de La Fenice che riunisce 5 associazioni sul territorio emiliano e che si svolge a Prato di Correggio (RE). Anche in questa occasione direi buoni numeri di ingabbi e davvero interessante la qualità espressa nei diversi settori.

Purtroppo quest’anno sono arrivato tardi al pomeriggio della domenica e ho avuto pochissimo tempo per analizzare i soggetti esposti a giudizio. I miei amati Fife Fancy si saranno lamentati perché non li ho seguiti a dovere.

Ho avuto qualche minuto in più il giorno dell’ingabbio quando mi sono intrattenuto con l’amico e bravo allevatore Massimo Goti ma anche in quel caso ero piuttosto di corsa.

In generale posso dire che il livello dei Fife Fancy presenti era davvero buono. La quasi totalità degli allevatori che hanno esposto è presente in tutte le manifestazioni ornitologiche di prestigio, Reggio Emilia in primis.

Ancora una volta, ma è una costante, noto la strenua, affannosa ricerca del piccolissimo Fife Fancy e questo purtroppo spesso fa dimenticare alcuni connotati che con la taglia si rischia di perdere ma che sono fondamentali per il nostro Fife Fancy. E che lo standard esige.

Ma le mie opinioni ormai sono cosa risaputa.

Dal punto di vista delle premiazioni mi posso soffermare solo sui miei soggetti che si sono aggiudicati due primi posti, tre secondi e alcuni terzi.

Da citare in particolare una femmina brinata con minime pezzature che era imperturbabile nella sua eleganza nonostante il bailamme di gente. Non altrettanto è accaduto ad una femmina verde brinata, a mio parere interessante, che si è innervosita e non stava nella corretta posizione.

Purtroppo la vicinanza temporale tra la mostra de la Fenice e quella di Bologna (la settimana successiva) mi ha fatto propendere per la prima per non stressare troppo i canarini che avrei dovuto re ingabbiare dopo pochi giorni dal rientro a casa.

Peccato perché a giudicare a Bologna c’era Terry Kelly, giudice inglese di grande esperienza nei Fife Fancy.

Foto strana ma mette bene in evidenza la rotondità del mio brinato vincitore

Foto strana ma mette bene in evidenza la rotondità del mio brinato vincitore

Ardesia pezzato di Trevisani

Ardesia pezzato di Trevisani

 

Read Full Post »

Femmina Fife Fancy verde

Femmina Fife Fancy verde

A metà settembre, come ogni anno, inizio a prelevare dalla voliera dei novelli un certo numero di canarini Fife Fancy che dimostrano di essere a muta ultimata o comunque a un buon livello di piumaggio.

Noto che quest’anno alcuni soggetti finiranno di cambiare le piume molto tardi, forse anche alle porte di novembre visto lo stato attuale. Per forza di cose si lascia alla natura stabilire i tempi.

Tra quelli che dimostrano una copertura di nuove piume del 90% scelgo i soggetti che a prima occhiata mi sembrano i più vicini allo standard. Si badi bene che fino a quando la muta non sarà realmente completata i canarini di forma e posizione possono cambiare e il loro valore espositivo mutare.

Quest’anno sono stato favorevolmente colpito dalla qualità delle teste dei miei Fife Fancy.

Chi mi legge sa che questa è una mia personale ricerca che va controcorrente. Mentre la stragrande maggioranza degli allevatori di questa razza si concentra su zampe o taglia minuta io cerco gli elementi FONDAMENTALI che fanno di un canarino un vero Fife Fancy. La testa va forse al primo posto ma qualcuno se ne dimentica volentieri proprio perché realizzarla è una delle cose più difficili.

Lo scorso anno avevo ottenuto alcuni maschi davvero interessanti sotto questo punto di vista. In quanto maschi, e quindi di taglia più grande, non sono mai stati esposti e hanno atteso la stagione riproduttiva tranquillamente nel mio ambiente di allevamento. Accoppiati poi con femmine che si sono rivelate geneticamente compatibili per determinati caratteri, hanno prodotto canarini novelli sempre più vicini alla mia idea di standard del Fife Fancy.

Certamente la strada verso la meta non sarà breve ma il 2013 si sta rivelando come un ottimo step sul mio cammino.

I verdi hanno confermato le mie aspettative, così come i cinnamon/fawn ma anche tra i gialli, mio colore da sempre preferito, l’innalzamento della qualità rispetto allo scorso anno c’è stato eccome.

A corredo di questo post allego una foto di un novello 2013 a muta non ancora finita. Ne seguiranno altre.

Cosa ne pensi?

La stessa femmina Fife Fancy 2013

La stessa femmina Fife Fancy 2013

Read Full Post »

Older Posts »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 40 follower